Ecocosmesi

Ecocosmesi: il nuovo business a km 0

C’e’ un business che sta seguendo una strada in rapida ascesa con il + 7,7 % di incremento mercato registrato per l’anno in corso 2015: quello della ecocosmesi caratterizzata da prodotti provenienti dall’agricoltura e che ha fruttato ben 400 milioni di euro lo scorso anno. Negli ultimi anni la maggior parte delle donne italiane, un nutrito 71 %, ha scelto di cominciare ad utilizzare prodotti da make up che non provenissero più dalle costose marche dai colossi altisonanti ne’ da quelle economiche poco note, dai dubbi e scadenti componenti primari. Ha scelto invece una maggior garanzia di genuinità ed ecosostenibilita’ del cosmetico collegata a costi contenuti.

E’ risaputo tra l’altro come in fondo dalla natura provengano già tutti gli elementi in grado di rendere bella la nostra pelle e come questa verità sia stata allontanata dal consumatore per decenni con una  diffusione e imposizione a vasto raggio dei top brand della cosmetica industriale mondiale che hanno dettato legge sul mercato.

I prodotti estetici dermocompatibili ecobio, dal makeup alle creme viso alla pulizia personale, tornano alla ribalta quindi come tanto tempo fa, con tanto di proliferazione esponenziale e prezioso supporto dato da ecommerce e websites, per diventare il business innovativo delle prossime generazioni con il nostro Paese in  posizione cruciale, dal momento che più della metà dei prodotti cosmetici viene prodotta proprio in Italia.

Ma attenzione, non tutti i cosmetici possono definirsi ecobio: si possono avvalere di questa preziosa qualifica, che va corredata da tanto di certificazione ad hoc, solo quei prodotti che sono stati creati con elementi basici provenienti da aree di agricoltura biologica o a km 0, lungo tutti i vari passaggi della loro filiera fino a quello conclusivo del packaging.